Qcells prevede 'un anno senza precendenti' per il mercato solare europeo nel 2021

Tra le ambiziose previsioni di sviluppo del fotovoltaico in Europa nel 2021, Qcells individua le nuove tendenze che potrebbero modificare per sempre le dinamiche del panorama energetico del continente.


[Berlino, Germania, 15 marzo 2021] In qualità di leader in molti dei principali mercati solari fotovoltaici europei, Qcells prevede che il 2021 sarà un anno senza precedenti. L'analisi della politica governativa, la valutazione dei feedback e della domanda dei clienti nonché l'anticipazione del lancio dei nuovi prodotti per il 2021 portano Qcells a prevedere un anno memorabile per lo sviluppo, la rinascita e la realizzazione di grandi progressi nelle prestazioni tecnologiche e nella qualità.

Gli highlights di Qcells per il 2021

A fine 2020, Qcells è diventato il primo produttore di moduli certificato nell'ambito del nuovo programma Quality Controlled PV di TÜV Rheinland. Questo programma mira ad alzare l'asticella della qualità nella produzione dei moduli solari, con l'obiettivo di inaugurare una nuova serie di buone pratiche di produzione che portino a una maggiore efficienza e longevità del sistema fotovoltaico.

Nel 2021, Qcells volge lo sguardo allo sviluppo delle tecnologie fotovoltiache di prossima generazione, grazie alla sua sede globale di R&D in Germania, dedita allo sviluppo della tecnologia delle celle di tipo n e di tipo tandem in perovskite.

L'amministratore delegato di Qcells, Charles (Hee Cheul) Kim, ha dichiarato: “Siamo fiduciosi che il nostro settore fotovoltaico si distinguerà per la sua tecnologia fotovoltaica all'avanguardia. I moduli fotovoltaici di nuova generazione abbinati a soluzioni MLPE e a nuove soluzioni di immagazzinamento dell'energia avranno un ruolo fondamentale nello stabilire le basi della divisione aziendale Distributed Energy Solutions (DES) di Qcells. Il business della divisione sarà sviluppato sulla base della rete di risorse locali per la produzione, la distribuzione e la vendita di energia rinnovabile.”

Altri prodotti nella linea di produzione di Qcells per il 2021 includono l'ultima versione del modulo Q.ANTUM DUO, che comprende il Q.PEAK DUO-G10 con una potenza in uscita fino a 480 Wp; e il Q.PEAK DUO-G11 che diventerà il primo modulo Qcells +500 Wp, raggiungendo una potenza in uscita di 580 Wp. Con il Q2, Qcells introdurrà anche le sue nuove soluzioni di immagazzinamento energetico e un sistema di montaggio flessibile di nuova generazione.

Pionieri in Germania

In Germania, Qcells ha lanciato i suoi servizi di vendita di prodotti energetici al dettaglio tra il 2019 e il 2020 e ha fatto grandi passi avanti in questo settore. Oltre alla crescita di questo aspetto – e del settore residenziale attraverso la consolidata rete aziendale di Q.PARTNERS – nel 2021, Qcells dedicherà molte energie a sostenere lo sviluppo del mercato fotovoltaico C&I in Germania, espandendo i suoi servizi di power contracting e leasing fotovoltaico. Questi modelli di business offrono alle aziende la possibilità di accedere all'elettricità rinnovabile a prezzi accessibili e dal proprio tetto, senza la necessità di un investimento preliminare. Qcells utilizzerà il 2021 per migliorare ulteriormente la sua gamma di servizi, dal fotovoltaico ai contratti di energia elettrica, al fine di offrire ai clienti un pacchetto completo di soluzioni da un unico fornitore.

Oliver Beckel, Head of Public Affairs Qcells GmbH, ha dichiarato: “La legge tedesca sulle energie rinnovabili (EEG) del 2021 incentiverà principalmente e in modo diretto il mercato dei piccoli impianti su tetto grazie a un'esenzione dalla tassa sull'autoconsumo per gli impianti fino a 30kW. Prevediamo installazioni nettamente superiori a 1 GW nel settore residenziale. È proprio in questo settore che ricopriremo un ruolo importante. Per quanto riguarda il segmento C&I, prevediamo che le nuove regole EEG per gli impianti di potenza superiore a 300 kW offrano ai clienti soluzioni più intelligenti, come i nostri modelli di contracting e leasing solare, che garantiscono una maggiore tranquillità e un rendimento stabile del capitale investito.”

I mercati degli impianti su tetto diventano protagonisti grazie ai sistemi di immagazzinamento

L'evoluzione di Qcells in un fornitore di soluzioni energetiche complete pone le soluzioni di energia distribuita al centro dei suoi obiettivi europei. Nei Paesi Bassi, il 2021 sarà caratterizzato da una prosecuzione del desiderio olandese di abbracciare il fotovoltaico, con il mercato residenziale che si prevede raggiungerà quasi 1 GW di nuove installazioni. “Come unico produttore tier 1 con una forte presenza a livello locale nei Paesi Bassi, noi di Qcells miriamo a sviluppare ulteriormente il nostro canale di assistenza, la rete di partner e il team per garantire che continuino a essere forniti al mercato prodotti migliori che soddisfino la ricchezza di opportunità che ci attendono nel 2021”, ha affermato Maarten Ribbens, responsabile delle vendite Benelux. “In Belgio il quadro è simile e le sovvenzioni di sostegno per l'immagazzinamento permetteranno a Qcells di presentare sul mercato belga le sue nuove soluzioni flessibili ESS nel corso di quest'anno.”

In Italia, Qcells è ben posizionata per consolidare la sua leadership di mercato nel settore residenziale e C&I, che si prevede rappresenterà circa il 60% del +1 GW di nuove installazioni di quest'anno. “Qcells continua a offrire il miglior compromesso qualità / prezzo ai consumatori italiani e fornisce la rete di partner più professionale ed efficiente del paese”, ha rivelato Marco Dona, responsabile delle vendite per l'Italia. “Il nuovo 'Superbonus' aiuterà a sostenere una forte ripresa del settore residenziale, stimolando a sua volta il mercato dello stoccaggio. Nel 2021, per consolidare la propria posizione, Qcells inizierà a offrire soluzioni di immagazzinamento di energia per i clienti residenziali, e una suite migliorata di soluzioni BOS e di strutture di montaggio per le applicazioni C&I.”

Sempre nel 2021, anche il mercato fotovoltaico residenziale francese su tetto dovrebbe tornare a crescere, sostenuto da una richiesta di moduli smart e AC. “Per Qcells, si tratta di un settore che la società sosterrà attraverso il lancio nel 2021 di soluzioni specifiche di moduli e impianti per soddisfare la domanda prevista da parte dei clienti”, ha dichiarato Stephan Maurel, responsabile delle vendite per la Francia. “I piani per l'implementazione del nuovo segmento delle tariffe feed-in da 100-500 kWp sono stati tuttavia ostacolati da ritardi nel metodo di calcolo dei nuovi valori CFP, che hanno purtroppo rallentato la loro adozione in questo settore. Non appena questi dettagli saranno finalizzati, vediamo grandi potenzialità in queste installazioni.”

Quest'anno, in Polonia, un mercato pari a 2 GW sarà nettamente diviso tra applicazioni su tetto e applicazioni a terra, ha dichiarato Szymon Kurjanski, responsabile delle vendite per la Polonia. “Il governo polacco si è posto come obiettivo quello di arrivare al 50% di energie rinnovabili entro il 2040, il che vedrà l'introduzione di un nuovo programma di sostegno per il fotovoltaico residenziale nel terzo trimestre. Per sostenere questo segmento, Qcells introdurrà la sua nuova soluzione di immagazzinamento energetico in Polonia nel corso dell'anno.”

Lo scenario è simile in molte altre nazioni dell'Europa orientale e meridionale, tra cui l'Ungheria, la Slovacchia e la Repubblica Ceca, dove la mancanza di contatori di rete e diversi piani di sovvenzione stanno creando una crescente domanda tra i clienti al fine di ottenere soluzioni di immagazzinamento flessibili, ha spiegato Adrian Kocan, responsabile delle vendite per l'UE meridionale e orientale. Kocan ha inoltre aggiunto che in alcuni paesi dell'Europa meridionale come la Grecia, il fotovoltaico su scala industriale rimarrà il settore dominante.

Per il Regno Unito, nel 2021 si prevede una crescita dell'80% per il segmento C&I, ma uno degli sviluppi di mercato più interessanti sarà quello del settore residenziale, dove le installazioni fotovoltaiche integrate negli edifici (BIPV) potrebbero registrare grandi progressi, così come l'installazione di pannelli su tetto tradizionali durante le fasi di costruzione delle nuove abitazioni. “Il piano di riduzione delle emissioni di carbonio varato dal governo britannico mira a un taglio complessivo del 75% delle emissioni di carbonio nelle nuove abitazioni entro il 2025”, ha affermato Ross Kent, responsabile delle vendite per Regno Unito, Irlanda e Scandinavia. “Sebbene ciò non garantisca che come soluzione vengano adottati impianti fotovoltaici, ci si aspetta che un numero sempre maggiore di imprese edili considerino soluzioni fotovoltaiche – che siano integrate come BIPV o semplicemente che incorporino i pannelli solari nel processo di costruzione – per contribuire a raggiungere questi obiettivi.”

La rinascita del mercato utility-scale in Europa

La divisione aziendale Green Energy Solutions (GES) di Qcells ha dei piani audaci per il 2021 che mirano a sviluppare e realizzare numerosi progetti fotovoltaici in Europa. Attualmente, grazie ai recenti successi all'asta, solo nella penisola iberica la serie di progetti assicurati dalla società ammonta a 4,5 GW.

Nel 2021 il fotovoltaico su scala industriale è tornato alla ribalta. Più di un decennio fa è stato questo settore a dare il via all'Europa del fotovoltaico, grazie alle soleggiate nazioni del sud, Spagna e Italia, che hanno aperto la strada, seguite da Germania, Francia e Regno Unito – meno soleggiate, ma sostenute da generosi incentivi statali. Nel 2021, un rinnovato interesse per i progetti solari su larga scala, spinto dai costi ridotti, plasmerà i mercati del fotovoltaico in molte nazioni europee, in particolare Spagna, Francia, Paesi Bassi e Polonia.

Quest'anno sono previsti mercati di utility su scala gigawatt in Francia (1,04 GW) e in Polonia (1 GW), e anche nei Paesi Bassi dovrebbe essere raggiunto quasi 1 GW di nuovi progetti solari su larga scala (932 MW). Tuttavia, la vera e propria protagonista del 2021 sarà la Spagna, dove si prevedono più di 3,3 GW di impianti solari su scala industriale, grazie al suo mercato basato sulle aste.

Nel 2021, gran parte della domanda nel mercato utility-scale francese sarà determinata da progetti a bassa impronta di carbonio (CFP), ovvero installazioni su scala industriale che devono utilizzare moduli solari a bassa emissione di carbonio certificati. “In questo settore, Qcells è già posizionata in modo eccellente grazie alla certificazione CFP dei suoi moduli”, ha commentato Laurent Bodin, responsabile delle vendite utility in Francia. “Nel 2021 prevediamo che più dell'80% della crescita del mercato sarà determinata dalla gara della CRE [Commissione di regolamentazione dell'energia] per i progetti CFP, consolidandosi di anno in anno fino al 2030.”

Un anno senza precedenti

Il 2020 rimarrà per sempre impresso nei nostri ricordi. Eppure, in mezzo allo sconvolgimento e alla rapidità dei cambiamenti, c'è stata una coerenza rassicurante in molti ambiti della nostra vita. Secondo SolarPower Europe, nel 2020 la crescita del fotovoltaico in Europa è stata dell'11%, con 18,2 GW di nuova capacità installata.

Le previsioni per il 2021 indicano una crescita del fotovoltaico ancora più marcata, ma anche un grande balzo in avanti nello sviluppo del mercato: una maggiore digitalizzazione, migliori prestazioni dei componenti, prezzi più competitivi e un sistema energetico più sofisticato che offre ai consumatori un maggiore controllo sulle modalità di consumo, provenienza e immagazzinamento dell'elettricità.

“Qcells è fiduciosa del fatto che il 2021 sarà un anno senza precedenti”, ha concluso il CEO Charles (Hee Cheul) Kim. “Avendo dimostrato le proprie capacità di resilienza nel 2020, il fotovoltaico dimostrerà nel 2021 la sua incredibile adattabilità, affidabilità e popolarità. Crediamo che negli anni a venire, il 2021 sarà ricordato come un anno cruciale per l'energia fotovoltaica e per la costante evoluzione di Qcells da semplice produttore di moduli fotovoltaici a fornitore unico di soluzioni di energia smart rinnovabile.”

Informazioni su Qcells

Qcells è un rinomato fornitore di soluzioni energetiche complete nel settore delle celle e dei moduli FV, accumulo di energia, attività in progetti downstream e vendita al dettaglio di energia. Ha sede a Seoul, Corea del Sud (quartier generale esecutivo globale) e a Thalheim, Germania (sede dedicata a tecnologia e innovazione), con diversi stabilimenti di produzione internazionali negli Stati Uniti, in Malesia, Cina e Corea del Sud. Attraverso la propria rete aziendale, che copre già Europa, America settentrionale, Asia, America del Sud, Africa e Medio Oriente ed è in continua espansione, Qcells fornisce ai propri clienti ottimi servizi e partnership a lungo termine sui mercati commerciali, governativi, residenziali e delle utility. Per maggiori informazioni visitate il nostro sito web: www.q-cells.com. Questo comunicato stampa contiene dichiarazioni previsionali. Queste dichiarazioni previsionali "anticipa", "futuro", "intende", "pianifica", "crede", "stima" e dichiarazioni analoghe. In questo comunicato stampa le citazioni dei membri della direzione, le operazioni e le prospettive commerciali di Qcells contengono fra l'altro dichiarazioni previsionali. Tali dichiarazioni comportano determinati rischi e incertezze che potrebbero causare risultati effettivi diversi da quelli espressi o suggeriti dalle dichiarazioni previsionali. Ad eccezione di quanto previsto dalla legge, Qcells non si assume alcun obbligo di aggiornare o revisionare dichiarazioni previsionali, si tratti di risultati di nuove informazioni, eventi futuri o altro.Contatti: Hanwha Q CELLS GmbH

Corporate Communications: Jochen Endle, Ian Clover

Tel: +49 (0)3494 6699 10121

E-mail: presse@q-cells.com